VILLA SANT'ANTONIO: De Angelis, Mariotti, Petritola, Palaferri (87’ Niccolò Fioravanti), De Santis, Petracci, Stefano Fioravanti (68’ Bianchini), Gaspari, Davide Silvestri, Severo (75’ Oddi), Giorgio Silvestri. ALL. Settembri.

COSSINEA: De Benedittis, Candidori (59’ Massari), Capriotti, Catalini, Carfagna, Straccia, Ciotti (70’ Pizi), Di Lorenzo (73’ Matera), Castorani, Manni, Giudici. ALL. Volponi.

ARBITRO: Ciccioli di Fermo.

RETI: 44’ Petracci.

CASTEL DI LAMA: Prima affermazione tra le mura amiche per il Villa, che al termine di una prova gagliarda, regola il Cossignano con un gol di Petracci sul finire della prima frazione di gara. Gli ospiti hanno fatto una prova generosa, badando più a portare a casa un punto che a giocare la partita. Dal canto suo il Villa ha peccato di precisione negli ultimi venti metri. L’episodio clou della gara al 44’, quando Ciccioli decreta la massima punizione per un fallo di mano in area. Vane le proteste degli ospiti. Dal dischetto Davide Silvestri, come una settimana fa, si fa respingere il tiro da De Benedittis ma sulla palla si avventa Petracci che insacca. Ripresa con i locali che sembrano voler cercare il colpo del ko e allontanare lo spettro delle ultime gare, dove i minuti finali erano stati fatali in diverse gare. Al 67’ Severo a tu per tu con l’estremo difensore ospite calcia malamente, divorando un gol che sembrava fatto. Passano pochi minuti e alla fine di una bella azione personale, Giorgio Silvestri calcia forte ma troppo centrale e De Benedittis salva. Al 76’, Davide Silvestri calcia a botta sicura all’altezza del dischetto di rigore ma la sua conclusione lambisce la parte alta dell’incrocio dei pali. Lo stesso attaccante trova il gol allo scadere, ma Ciccioli annulla per un presunto fuorigioco, probabilmente all’inizio dell’azione visto che l’attaccante bianco azzurro era sicuramente in posizione regolare. Dopo cinque lunghissimi minuti di recupero si può finalmente festeggiare e muovere la classifica che da sicuramente morale in vista del difficile incontro casalingo, tra sette giorni, in casa con la Cuprense.